Bolle di sapone in galleria

Azione estemporanea indotta all’interno della galleria P420 durante l’inaugurazione della mostra La grandezza delle mani | 16 giugno 2016.

Bolle di sapone in galleria è ancora conseguenza dell’incontro con Paolo Icaro, grazie al quale ho iniziato a riflettere sul giocare come attività “molto seria” e in particolare sulla continua ricerca di equilibrio che le bolle di sapone hanno in comune con l’esistenza umana, nonché la sua brevità. Per indurre il pubblico ad esperire il gioco spontaneamente, come attività che potenzialmente ma non necessariamente stimola la riflessione sulla propria essenza/esistenza, durante l’inaugurazione senza farmi notare ho inserito un barattolo di bolle di sapone all’interno della vasca con il ghiaccio contenete le birre offerte dalla galleria. Così che ponendo il visitatore di fronte alla scelta tra il bere (la birra offerta) e il giocare quando per qualcuno questa fosse caduta sul giocare, si sarebbe innescata una piccola reazione a catena, una progressiva distrazione collettiva dalla visita passiva alla mostra. Favorendo invece la nascita di interazioni spontanee (nuovi equilibri) tra persone anche sconosciute e occasioni di dialogo. Come il precedente questo lavoro esplora concetti quali equilibrio, misura, certezza e incertezza e attraverso il giocare coinvolge il pubblico nel farne esperienza.

ph. La Cherry Lill